Perché l'Italia ritorni ai suoi naturali confini - foto

E' questo il motto che la .Commissione all'uopo istituita dal M. I. R., ha prescelto per l'inserimento nell'artistica. tesserina che il Movimento si appresta a distribuire ai propri aderenti che, giova ripeterlo, non sono soltanto profughi, ma italiani in genere che non accettano l'ingiustizia del trattato ai pace. Un centinaio circa sono stati i molti pervenuti, alla Commissioni a seguito del concorso bandito in proposito; .molti veramente belli ed appropriati; la Commissione tuttavia, onde dare al motto della "Tessera MIR " semplice e chiara evidenza, ha prescelto quello suggerito dal dott. Carlo Franchi. Mettiamo in. rilievo che il " Perchè l'Italia ritorni ai suoi naturali confini" è stato tolto dalla mozione costitutiva del M.I.R., del quale era, come è, il 'postulato fondamentale. Le bandiere abbrunate di Fiume, di Pola e della Dalmazia, dell'Istria, di Trieste che in ogni manifestazione ricordano agli italiani, che c'è una grande ingiustizia da .sanare, troveranno la loro rappregentazione nella tessera del M.I.R., in questo motto che è tutto un programma di fede e di lavoro. " Revisione o non più pace " ha scritto un esule, ed è ben vero che fino a quando la giustizia non sarà riportata nelle terre oppresse dallo straniero e tolteci per sfamare le brame ingorde del dittatóre jugoslavo, nei nostri cuori sanguinanti non ci potrà mai essere pace. Didascalia: Bandiere abbrunate a Vicenza

Dal numero 601

del 10/03/1948

pagina 2