TORNANDO IN ISTRIA Sosta a Castelvenere - Fausto D'Asta - foto

foto Disemo la verita, in 'sti ultimi tempi a le frontiere no i to guarda gnanca. Mi qualche chilometro prima ciogo le carte de identità e la carta verde e tiro fora la man dal finestrin sventolando 'sti tre tochi de carte. Me fermo davanti le guardie e queste, con gesti ampi e eloquenti, i me disi: aide, aide; che saria, secondo la mia tradusion, movite, va 'vanti, no romper le togne. Solo una volta una «drugarica» giovane e 'sai beta l'ste malegnase le sara anca sc'iave, ma de rassa le xe bele), la me ga tegnn fermo e la me ga squadrà davanti e dadrio. Quests ga rinverdi la mai sopita gelosia de la consorte a latere: Vedi, lo ha fatto di proposito, perché sei un bel uomo interessante. De una volts, de una volts, picia mia. A mi la me ga fato vegnir in mente una cansoneta che cantava el comico triestin de some Cecchelin (o similia). El ritornello diseva: «Una volta a casa mia vegniva a trovarme sventole de mule, per vederme e basarme. Le me strucava in peto, con certi oci strani, ma mi, vardé che pegola, gavevo solo 10 ani.» E la tiritera va ben anca ogi, con una variante, purtroppo, d'obbligo: «...ma mi, vardé che pegola, go passadi i 60 ani». No parlemo de tristessei Passada prima la frontiers de Rabuiese e dopo quela a Castelvenere (dovude a la ulteriore spartision de l'Istria tra Croazia e Slovenia), semo «de IA». La nostalgia che se portemo dentro, quasi parossistica e, comunque, tale da gaverne crew un vero pathos, la ne manda in brodo de sisole (doe in esaltasion). D'improvviso l'aria la ne par pin bona e balsamica; el sol ne scalds con sentimento, el mar, che el Dannunzio ciamava «amarissimo», el se vesti dei color pin bei e le piere, ah quele piere, de bianco calcare, le ne inonda de tuts el loro candor. Troppo spesso, ignorantemente, se sentirno domandar: «Cosa andate a fare in Istria?» No i meritaria risposta, ma xe meio esser ciari: Andiamo a «tociarse» la dove tuts parla ai nostri cuori. Ciapa su e porta a casa Porca miseria, ciacolo ciacolo ma son ancora a due passi fora de la frontiera; alora molemoghe el slaif. Subito drio la curvà, in cima a un rato, me vien incontro un cartel giallo che indica: Castelvenere. Su la sinistra spunta la cima del campanil del paese. Ghe vado subito. Se trata de un picio paese del Comun de Piran, costruido sora uno speron de roccia che domina la valle del Dragogna. Quatro casete, in tuts, intomo al vecio caste) tier gig romanico Castrum-Veneris. Tra i cognomi autoctoni se ricorda: Antonini, Bul for, Gasparini, Spizzamiglio, Visentin ed altri. Interessante la Parrocchia dedicada a S. Sabba, del 1869, che la ga intorno un picio cimitero e tanti bei cipressi, ben restaurada. Tornado a casa, metendo insieme i ricordi del viaggio, me stuziga la curiosità de saver qualche roba del Santo del paese. Tempi indrio, gavevo cornpra 4 volumi su la vita dei Santi e, ogni Canto i me vien ben, per conosser 'sti aureolati. Subito me nassi un problema; e to pareva? Su le guide turistiche el Santo el ga due «b» (Sabba), su la enciclopedia una «b» sola. Come se no bastassi, i Santi i xe due. Uno vier festegiado el 12.4 e I'altro el 5.12. Qual xe quel bon per Castelvenere? Una robs xe sicura, i xe north butt e due, per cui: Requiescant in pace. Per contarve qualche aneddoto attinente, speto che quel ciama in causa el me dia un segnal. Se ci sei, batti un colpo. Fausto D'Asta

Dal numero 2988

del 07/06/1997

pagina 5