Quei giorni felici - Silvia Lotterodt Sizzi - vignetta

vignetta Vardaado indrio, devo dir che per mi se ga tratado col 1987 de un ano ecessional. Dopo tanti lustri trascorsi in completa lontanansa dela mia gente, go podudo finalmente incontrar e abraoiar i polesani, go avudo infinite atestassioni de afeto e tuta questo ga costituido una esperiensa che no poderò mai dimenticar. Spesso penso al grande raduno, ai quatro giorni trascorsi a Pola dove che go conossudo ore de assoluta tenuità nudando nel mio meraviglioso mar. Me vardo le foto e contemplo la coppa che Legno de gran conto, per convinserme che no xe siedo un sogno. Tanti xe stadi i contati epistolari una volta tornada a Londra, e anche le ciacolade telefoniche con la Nerina, la Marisa, la «scossese» Marina Cavalieri MI, Orfeo e Nenia Sbrizzai; perfin una ciamada del Canada da parte de Mario Blasco che go conossudo al raduno. A Monfalcon gavevo parla in inglese con sua molie che xe de origine gallese. Grassie per le gentiiii parole! Fra le mule polesane-inglesi se gaverro incontra de novo in casa dela Ada Colli. dove che go podudo aprofondir la vanossensa con el simpatico Credei Odino e la moglie Nedda in vacansa a Londra dopo l'incontro generai. Quante oiacolade e quante nidadel Passade le feste, ma no per questo quei contati se ferma o al ben che se volano svampissi. Me auguro che l'Arena me rivi puntualmente, dato che nei ultimi mesi del 1987 go dovudo spelar per riceverla; la rivava ogni debtre setimane e no ve diga che rafia. Un abracio coletivo a tuti. Silvia Lotterodt Sizzi

Dal numero 2525

del 30/01/1988

pagina 7