Con i diplomati del 1942 a Pola Gli Schiavuzzi ritrovati - Mario Ive - foto

foto Didascalia: Tre generazioni di Schiavuzzi: Fulvio (che tiene in braccio la nipotina) e Livia Craglietto; a sinistra la figlia Luciana con il marito Co go scrito su queste pagine che Padova xe. facile de ragiunger da tuti i punti cardinai, ve giuro che no pensavo per gnente de dover scriver og! sto ringrassiamento a do che se ga messo su le spate 1000 chilometri de strada per rivarghe. 1000 chilometri con una machina apena comprala, in rodegio! 1000 chilometri pian pianin, da le 7 de matina a le 5 del dopopranso, 1000 chilometri per vederme, per star un per de ore coi compagni de classe de 40 ani fa, per star do giorni con una clapa de Polesani; più de cento la sera del sabato e più de cinquecento domenica a mesog.iorno. Mi li spetavo col cor averto, dopo le do telefonade che i me ga fato de quel posto dove che el taco se tace a la siota del nostro Stiva!! Ma mai me spetavo de veder bionda la Livia, come dopo 17 ore no me seria mai sogna de vederme davanti la Luciana mora! Forsi !ore xe più bone de mi, e tute e do no le me ga fato saver, per delicatessa, che mi le me sercava moro, invese de griso! Gressie a tute do! La matina po' .ecote un'altra sorpresa de sti tarantini de Pola: te riva el Pasquale co la nova Rena e me capite de veder la fotografia fata contro el muro del Domo, in parco de la Rimembransa tanti e tanti ani fa; fotografia che, no rivo capir come, mi no go più o no go mai 'vudo. Lori i la gaveva e i ghe la ga mandada al Pasquai: grassie tante anche de questo, cara Livia e caro Fulvio! Ma le sorprese no xe mai finide: lori i da fato vignir a Rubano anche la fia, che sta a Brescia, col marì e la nipotina, una biondina che me ga rubado al cor apena che la go vista! Una cocola picia piena de rizi che xe corsa subito a veder chi che fiero: come la faseva ela a saver che a mi me xe sempre piasude le bionde, mi no so e credo che su nona no xe rivada a dirghelo! Insoma, gente mia, la xe stada la mascotte dei maestri del '42 e de tuto el raduno: la più bionda, la più bela, la più cocola e la più cocolada de mi. E che tute le altre me perdoni. Perdoneme, done, sia per quel che scrivo, sia per esser partido con ela che me coreva Brio de Rubano fin a Brescia. Là, visto che no la molava el mazo, me ,go deciso de contentarla, de andar a casa sua e de parlar con su mama, su pare, su zia e i SIA noni! Per fortuna lori, più veci de ela e più furbi de mi, i me ga carigado in machina insieme a la valisa e i me ga scarigà in stassion disendome ciaro e tondo: «Va, che 'I ciei te sperda... va e dighe a tu molie che la ringrazi Dio che noi te volemo ben e te gavemo mandado a casa con sto treno che xe l'ultimo che va a Cremona!» Grassie, Livia! Grassie, Fulvio, anche de questo: senza de voi no -solo gavarìa perso el treno, che iera l'ultimo; gavarìa perso anche la testa per quela biondina, che gaveva qualche ano meno de mi; e, quel che xe peso, gavarìa perso anche la molle, che anche se la xe cussì bona de gaverme manda «solo» a Rubano. perché la se fida de mi che son restà sempre quel sempio che fiero de mulo, ia me gaveva dito che, se no tornavo a casa co l'ultimo treno, ela la gavarìa !essa le clave in tel buco e mi gavarìa dovudo dormir su le scale, come l'orso de la canson! Grassie a voi do tuto xe andado ben: molle e fioi me spetava co la torta fata de mia fia e una buia fiasca de trapa nostrana, una de cognac francese e una de vviski scoscese! Che roba, fioi, no ve diga e no ve conto el calor de :a fameia come che 'I xe bel, specie dopo un diese bicerini. Son andado in leto come un angioleto, anche se no so come che go fato a spoiarme! E apena seradi i oci, me go visto intorno svolar tanti tanti angioleti: pensè, gente, angioleti mas'ci e angiolete femine, che gaveva el viso de tuti quei compagni de scola che iera vignudi a Rubano: sete angiolete bionde e brune, diese angioleti grisi o speladi. Sì, ierimo tuti noi: la Livia e la Palmira, la Luciana e l'Imperia, la Ida e la Irie co la Licia; e po' Giuseppe col Duilio, el Toni co l'Aldo, el Mar-celo col Enzo, el Aldo de Ancona col Darlo, e! Fulvio con uno che me somiliava tanto a mi! Co me son sveiado a la matina, pensavo ancora a sto strano sogno e sercavo de capir corsa che voleva dir sti strani angeli de sesso diverso. Sicuro, me dicevo tra de mi, quei che xe vignudi a Rubano xe tuti angeli, angeli boni che me ga contentado e me ga dado sto ano, oltre che la contentessa de veder tuti i Polesani vignudi al raduno, anche sti sedise compagni de scola, che me ga fato tornar giovine per do giornade e angiolo per una note! E adesso i me lessa sperar de tirar ancora fin al magio che vien per rivederle un'altra volta a Roma, dove che speremo che vegnarà anche qualchedun che sto ano no 'era: se no altro per poder diventar anche lori angioleti, come noi! Grassie Livia, grassie Fulvio, grassie a tuti! E scrive, scrive do righe per Mi. Mario Ive

Dal numero 2244

del 12/06/1982

pagina 5