Testate istriane di fine Ottocento a cura di Marcello Bogneri - foto

Esce il 30 gennaio 1890 a Pola, ogni domenica, giornale umoristico, un numero soldi 6, redazione e amministrazione: Largo Porta del Torchio 7, editore e redattore capo Eugenio Cupez, stampato presso la tipografia Augusto Levi Trieste, con il numero 2 presso la tipografia G. Seraschin di Pola Esce il 5 luglio 1890 a Pola, il primo, secondo e quarto sabato del mese, giornale democratico, un numero soldi 3, editore e redattore responsabile G. Cupez, stampato dalla tipografia Bontempo, con il 28 settembre assume la carica di editore e redattore rese. B. Peteclibi, con il 3 gennaio 1891 G. Polla Esce il 15 luglio 1891 a Rovigno, giornale letterario, politico, artistico ed economico, si pubblica nei giorni 15 ed ultimo d'ogni mese, un numero soldi 12, direttore Domenico Ferra, editore e redattore responsabile Domenico Quarantotto, stampato dalla tipografia Antonio Coana. Il 30 aprile 1894 cessa con il n. 68 A. IV le pubblicazioni a Rovigno per riprenderle con il 690 in Capodistria presso la tipografia Cobol e Priora; direttore Domenico Ferra, redattore responsabile G. Santalesa Esce il é gennaio 1894 a Pola, rivista settimanale di scienze, lettere ed arti e di cronaca provinciale e cittadina, editore proprietario Alfonso Pozzati, ufficio di redazione via Dante 8, un numero soldi 6 Esce il 23 agosto 1894 a Rovigno ogni giovedì, giornale liberale che viene a sostituire il «Risveglio», un numero soldi 6; il primo numero venne sequestrato per ordine della Procura di Stato causa l'articolo-programma intitolato: L'animo nostro Esce il 16 aprile 1892 a Rovigno il 16 ed ultimo d'ogni mese, giornale religioso, morale, letterario, politico, organo degli interessi cattolici, un numero soldi 10, editore e redattore responsabile Paolo Suffich, stampato dalla tipografia A. Coana Esce il 4 aprile 1894, periodico politico settimanale, un numero cent. 20, Andrea Davanzo editore, Paolo Pavan redattore responsabile, stampato nella tipografia Antonio Coana; con 1'8 agosto cessa le pubblicazioni a Rovigno, dov'era uscito Nasce il 10 gennaio 1895 a Capodistria, un numero soldi 30: oeriodico di chiara ispirazione ideale e politica nel quadro lolle aspirazioni risorgimentali sfociate nella Grande guerra logo la lunga maturazione nella coscienza civile e culturale Esce il 3 ottobre l896 a Rovigno, settimanale, un numero soldi 10, redazione e amministrazione Piazza San Damiano 3, editore e redattore responsabile Giuseppe Bartoli, stampato presso la tipografia Antonio Coana La Gazzetta di Pola non si presenta con un programma giornalistico spesso promettente, ma illusorio sempre per ampollosità di frasi e di lirismo di concetti. 11 suo onesto programma, questa sua divisa, la si estrinseca in poche parole: Onestà di criteri. In Arti e Scienze: vasta, libera e progressiva. Nelle cose cittadine: ragionata e conciliàtiva. Tratterà pure la cronaca provinciale, in armonia ai suesposti principi, ed occupandosi in via accessoria delle questioni del giorno che stiano in consonanza col suo assunto, sarà oggettiva sempre e nazionalmente patriottica.

Dal numero 2062

del 28/11/1978

pagina 3