Borse di studio del Madrinato - foto

Didascalie: I tre studenti che hanno vinto la borsa di studio ringraziano la signora Eulambio Le signore Pasino e Eulatubio alla consegna delle Borse di studio del Madrinato Italico agli studenti della Casa I [...] dedica alle attività dell'Opera per l'Assistenza ai Profughi Giuliani e Dalmati, hanno raggiunto gli studiarti universitari ospiti della Casa del Giovane «Giovanni Sereni». E' da diversi anni, infatti, che il Madrinato italico, intervenuto a fiasco ed in appoggio dell'Opera Profughi nel settore dell'assistenza minorile fin dall'apertura dei collegi, ha vo loto estendere le sue benefiche iniziative al settore degli studenti universitari, abbracciando oasi con i suoi provvidi aiuti l'intero campo dell'attività educativa dell'Opera. Con la semplicità che contraddistingue tutte le azioni del Madrinato, lunedì 24 febbraio alla Casa del Giovane, tre universitari, ormai prossimi alla laurea e che non avevano potuto esser, ammessi al godimento delle ' borse di studio convittuali del Ministero della Pubblica Istruzione, hanno ricevuto, dalle mani della infaticabile Presidente esecutiva del Madrinato, signora Laura Eulambio, presenti in rappresentanza di tutte le Madrine le signore Pasino e Beltrame, le borse di studio che consentiranno loro di beneficiare dell'assistenza presso la Casa e di concludere a giugno, con la laurea, il loro corso di studi. Le tre borse di studio del Madrinato, del valore di centomila lire ciascuna, sono state assegnate quest'anno agli studenti Sergio Visintin, Marzio Albano e Attilio Rusconi. Nel consegnare 'tè borse di studio, la signora Eulambio, ha rivolto parole di augurio e di incoraggiamento ai tre studenti, ha rilevato la gioia del Madrinato di poter contribuire in questo modo a far giungere alla laurea studenti profughi, ospiti dela la Casa del Giovane, ed ha sottolineato l'im,rtanza del' la funzione, che l'istituzione svolge per l'inserimento dei profughi adriatici nella futura classe dirigente del Paese. Io studente Visintin, ringraziando anche a nome dei suoi due colleghi, ha formulato la promessa di concludere a giugno con la laurea, l'anno di permanenza nella Casa del Giovane, assicurato dal generoso beneficio concesso dal Madrinato. In ,precedenza, il segretario generale dell'Opera Profughi aveva illustrato le finalità tal il funzionamento della Casa del Giovane, ripromettendosi di assicurarne, con opportune iniziative, un ancor maggior inserimento. nell'ambito delle iniziative dell'Opera. E' seguita una breve visita alla istituzione.

Dal numero 1414

del 10/03/1964

pagina 2