Tra Mestre e Umago Scambio di visite - foto

Didascalie: Concerto a Mestre del coro di Umago Attori di Umago per «Xe tuti parenti streti Un anno fa la rivista .Mitteleuropa» di Venezia si a fatta promo-trice di un convegno dal titolo . II ruolo dell'Istria, ponte tra Jugoslavia e Comunità Economica Europea., che si è svolto presso la sede dell'Associazione veneziana degli industriali. Sono intervenuti Giuseppe Rota, dirigente della Comunita italiana di Umago, ed parlamentare europeo Enzo Bettiza; poi l'ambasciatore italiano a Belgrado, Sergio Vento, l'amministratore delegato della societa Bic di Trieste Francesco Zacchigna e il presidente dei giovani industriali di Venezia, Damaso Zanardo. Come corollario al convegno, la Comunità degli italiani di Umago ha voluto offrire un pomeriggio ricreativo che si è svolto al cinema Excelsior di Mestre, gremito di pubblico tra cui molti esuli giuliano-dalmati. II coro di Umago ha svolto un programma comprendente cant popolari istriani; ha concluso con il .Va' pensiero», accompagnato a viva voce dai presenti. Quindi un gruppo di teatranti di Umago si è esibito nella recita della commedia in tre par-ti Xe tuti parenti streti» di Giuseppe Rota, diretta ed interpretata dall'autore, opera che è stata insignita nel 1988 del premio .Istria Nobilissima». L'intreccio e la comicita del soggetto, ben re-so dall'interpretazione degli attori, hanno suscitato molti applausi a scena aperta ed alla fine. Pippo Rota, presentatosi sul palcoscenico, si a detto lieto ed onorato di aver portato in Italia il suo testo ed il suo gruppo, ringraziando per l'entusiasmo dei presenti e per la loro viva partecipazione e ricordando, inoltre, i legami sempre vivi che uniscono gli italiani di oltre confine alla Madrepatria. Hanno collaborato alla buona riuscita dell'iniziativa Lions Club di Mestre e l'assessorato alla cultura del Comune di Venezia. Nello scorso ottobre la visita a Umago a stata ricambiata da una comitiva mestrina. Nell'incontro e stato presentato il romanzo di Paolo Barbaro «Una sola terra., che racconta la vicenda degli esuli istriani sparsi per il mondo. Giuseppe Rota ha presentato I'autore del romanzo, che ha poi parlato della sus opera di scavo della figura di Nin, la buiese sradicata alla ricerca di costruirsi una nuova vita in Argentina. Sul libro si è poi intrattenuto No Prandin. Era presente il presidente del Comune Benolic. La comitiva, guidata da Gianumberto Ferraro, ha visitato anche Montona e Grisignana. Parecchi dei partecipanti avevano le loro radici in Istria; c'era anche Laura Marchesi, figlia del direttore un tempo delle miniere dell'Arsa. Ad un occhio attento all'immagine complessiva, l'incontro è apparso piuttosto teso e con pochi spiragli ad una sincera comunicatività. L'esule non è riuscito a risentirsi .a casa., neppure al canto del .Va' pensiero», allorelle non si è diffusa la struggente atmosfera degli incontri tra esuli, quale che sia il numero dei partecipanti.

Dal numero 2666

del 01/12/1990

pagina 6